Ultimo aggiornamento: mercoledì 15 gennaio 2014

 

 

Visita virtuale - Sala 04 - 002

 

Mortaio medio da 81 mm.

 

 

Questo mortaio è stato impiegato con eccellenti risultati nella 2^ Guerra Mondiale distinguendosi, rispetto ad altri modelli, per leggerezza, semplicità di installazione ed impiego, robustezza, rusticità e potenza del colpo singolo.

          Come la maggior parte dei mortai (non sono ovviamente tutti così) è composto dal tubo di lancio, dall'affusto e dalla piastra di base e pesa complessivamente 59 Kg.

          Scendendo in qualche particolare in più:

-  il tubo di lancio è ad anima liscia, è lungo m. 1,15 e pesa 20,4 Kg.

-  la piastra di base è di acciaio e pesa 20 Kg.; ha due vomeri che le

    consentono di ancorarsi al terreno per reggere il rinculo al

    momento del tiro;

-  l'affusto è un bipiede di semplice e rapido impiego grazie ad un

   congegno con vite senza fine e manovella. Sull'affusto sono fissati

   i congegni di puntamento. Pesa 18 Kg.

          Può usare bombe di varia tipologia (ghisa acciaiosa, grande capacità, fumogena, incendiaria e da addestramento). A seconda del peso delle varie bombe cambia anche la sua gittata: ad esempio, con la bomba di ghisa acciaiosa, che è quella normalmente usata, pesa 3,250 gr. e produce schegge in un raggio di 25-30 m., la gittata arriva a circa 4 Km.

La bomba a grande capacità, che pesa circa 6 Kg., ha una proiezione di schegge di 250-300 m. ma la gittata si riduce a circa 1500 m.

          Il settore di tiro in direzione è scarsamente significativo, considerata la facilità con cui può essere spostata la piastra di base. In elevazione, essendo il mortaio un'arma che spara col secondo arco, il suo settore di tiro può variare da 45° a 90° (praticamente la verticale - da evitare).

          Può essere trasportato su qualsiasi mezzo ma può anche essere someggiato su un solo mulo oppure diviso, in tre carichi, può essere trasportato da personale appiedato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

        

 

 

   

 

Torna alla

pianta

della

Sala 04

 

oppure

 

Torna alla

pagina

Esposizioni

materiali

di armamento