Ultimo aggiornamento: domenica 12 gennaio 2014

 

 

Visita virtuale - Sala 04 - 012

 

Obice da 105/14 - Modellino

 

 

Finalmente siamo ancora riusciti ad avere un esemplare "reale" (ancorché demilitarizzato) del vero obice da 105/14 che si può ritenere il pezzo di artiglieria classico dei Gruppi di artiglieria delle nostre Brigate.

Non staremo a descrivere le misure del modellino perché poco importa se ha una carreggiata di 18 cm e la bocca da fuoco, separata dal blocco otturatore, è lunga 13 cm.

I dati reali del pezzo li abbiamo inseriti a corredo delle immagini esterne ma, per comodità del visitatore, le abbiano lasciate anche su questa pagina (era più faticoso toglierle che lasciarle).

 

 

 

Obice da 105/14

La vera sigla di questo obice era M56. E' frutto di uno studio italiano che ha portato alla sua costruzione da parte della società Oto Melara di La Spezia ed alla sua adozione in servizio nell'Esercito Italiano a partire dal 1957.

Complessivamente furono costruiti 2.300 esemplari di questo obice, di cui solo il 15% per l'Esercito Italiano.

Caratteristiche tecniche.

- Peso:     Kg.  1.250

- Gittata: m. 10.600

- Otturatore a cuneo a scorrimento verticale

- Affusto a doppia coda con scudo leggero di protezione

- Celerità di tiro: 3-4 colpi al minuto

- Tiro: con primo e secondo arco oltre che diretto in funzione controcarri

- Trasportabilità:

    .  trainabile, anche da autovettura da ricognizione;

    .  someggiabile, in quanto il pezzo era divisibile in dodici parti e ciascuno dei dodici muli non portava più di 137 Kg.

    .  aviolanciabile, in quanto, nella configurazione a ginocchiello basso, poteva essere pallettizzato ed aviolanciato. Per

       questo motivo, oltre alle Truppe Alpine, equipaggiò anche l'artiglieria della Brigata Paracadutisti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

        

 

   

 

Torna

 

alla

 

pianta

 

della

 

Sala 04